Download http://bigtheme.net/joomla Free Templates Joomla! 3

Portale di informazione e cultura della comunità di Pavona

Il 15 gennaio nella stazione di Pavona, sulla linea Roma-Velletri, è stata inaugurata la nuova Casa delle Associazioni “Rifugio Urbano Baden-Powell”, realizzata all’interno dell’ex spogliatoio del tronco lavori delle Ferrovie dello Stato, chiuso ormai dagli anni ’80. Un progetto di riuso a fini sociali che ha permesso di cancellare un simbolo di degrado e offrire ai cittadini uno spazio di incontro gestito dal Comitato di Quartiere Pavona Uno e nuove attività educative per i giovani organizzate dagli scout del CNGEI.

 

fotostorico

 

Nella galleria di street art della stazione di Pavona, realizzata a maggio 2016 grazie al progetto “Arte in Stazione e Città a Colori”, c’è anche una citazione che recita: “può darsi che non siate responsabili della situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non fate nulla per cambiare” M. L. King.

Questa è in sintesi la motivazione che spinge i volontari del Comitato di Quartiere e gli scout della sezione di Ariccia del CNGEI a dedicare il proprio tempo al miglioramento dei beni comuni, e il loro esempio sta contagiando sempre più un quartiere che sembrava ormai condannato a diventare un dormitorio a ridosso di Roma. Domenica hanno partecipato centinaia di persone, i rappresentanti delle istituzioni locali e molte associazioni: il Comitato Locale Colli Albani della Croce Rossa, il Circolo il Riccio di Legambiente, una delegazione degli scout di Pavona dell’AGESCI, l’associazione ArtinMusica, gli altri Comitati di Quartiere e altre associazioni locali.

Tutto il “branco” degli scout ha partecipato al taglio del nastro e si è emozionato quando un “lupetto” lo ha tagliato, accompagnato da una rappresentante delle Ferrovie.

Grande soddisfazione anche per i 47 nuovi donatori, che hanno inaugurato il servizio di raccolta sangue tramite autoemoteca organizzato dai volontari della Croce Rossa.

 

15966223 1140563219374688 6915686887144095484 n

 

Negli ultimi tre mesi è stato un cantiere aperto, a cui ha partecipato l’intera comunità e le imprese del territorio: fornendo braccia, materiali, competenze e supporto economico, consapevoli che si tratta di un investimento per migliorare il contesto in cui vivono.

Tali interventi contribuiscono al riscatto delle periferie, facendo riscoprire l’orgoglio di viverci ai loro abitanti e restituendo decoro e bellezza a una stazione frequentata da centinaia di pendolari, che iniziano a sentirla un po’ casa propria.

 

15941392 1140563459374664 3578386368629182511 n

 

Riuso delle stazioni

A seguito dell’implementazione tecnologica, il controllo della circolazione ferroviaria viene effettuato con molte meno persone rispetto al passato, con la conseguenza che un esteso patrimonio immobiliare non è più funzionale al servizio di trasporto ma convertibile per altri scopi: commerciali e sociali.

Per le associazioni no profit e le amministrazioni locali bisognose di spazi per svolgere la propria attività o erogare servizi è possibile presentare un progetto a Rete Ferroviaria Italiana per uno spazio in comodato d’uso nelle piccole stazioni.

Si tratta di una soluzione vincente per tutti: il comodatario risparmia l’affitto, contemporaneamente difende meglio la stazione dagli atti vandalici e la comunità si arricchisce di nuovi servizi.

Eventi In Arrivo

Febbraio 2020
L M M G V S D
27 28 29 30 31 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 1

Newsletter

Per rimanere aggiornato su tutte le news di Pavona e ricevere codici promozionali!

Visitatori

Totali710778

Accesso Utenti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.